FAQ OUTGOING


    Cari studenti e care studentesse outgoing,

    in questa pagina troverete le risposte alle domande più frequenti che ci sono state poste negli anni da chi vi ha preceduto. L’Ufficio Rapporti Internazionali del Dipartimento di FiLeLi gestisce quotidianamente una mole imponente di mail che rischiano di rallentare il processo lavorativo e talvolta ci impediscono di dare risposte immediate ed esaurienti alle vostre domande. Potete aiutarci a svolgere al meglio il nostro servizio e a migliorare l’intero funzionamento dell’Ufficio leggendo con attenzione le risposte alle questioni sotto riportate. Non saremo in grado di rispondere a chi ci scrive per porci privatamente le stesse domande già contemplate nelle FAQ. Vi saremmo al contrario molto grati per tutti i suggerimenti che vorrete darci al fine di integrare le FAQ e renderle uno strumento di consultazione utile sia per chi sta per partire in Erasmus sia per chi già si trova nel paese estero.

    Grazie per la collaborazione!

    1. A CHI MI DEVO RIVOLGERE?

    1. Cosa compete all'Ufficio Rapporti Internazionali di FiLeLi?

      L’Ufficio Rapporti Internazionali del Dipartimento di FiLeLi, insieme ai referenti d’area (v. sotto), può offrire consulenza e supporto agli studenti outgoing solo ed esclusivamente in relazione a questioni didattiche: compilazione del Learning Agreement, approvazione del piano di studio estero, verbalizzazione del Transcript of Records al ritorno. Per tutte le altre questioni (per es. riscossione borsa, copertura assicurativa, etc.) si consiglia di consultare il sito dell’Ateneo di Pisa alla pagina Help Desk dedicata all’Erasmus: http://unipi.erasmusmanager.it/studenti/
    2. A chi mi devo rivolgere per questioni relative alla borsa di studio?

      All’ufficio Direzione Ricerca e Internazionalizzazione, “Unità Mobilità Internazionale”, Lungarno Pacinotti 44, 56100 Pisa. Orario di ricevimento: Lunedì Mercoledì Venerdì dalle ore 09.00 alle 11.00, Giovedì pomeriggio solo su appuntamento dalle 15.30 alle 17.00. Indirizzo e-mail:
      erasmus.outgoing@unipi.it

    2. BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DELLE BORSE ERASMUS

    1. Quando esce il bando per l'assegnazione delle borse Erasmus?

      Il bando Erasmus viene bandito dall’Ateneo Pisano una volta l’anno, generalmente in primavera, e viene pubblicato  sulla pagina del sito dell’Ateneo dedicata all’Erasmus. Tramite il proprio sito, anche il Dipartimento di FiLeLi dà avviso della pubblicazione del bando nella sezione Rapporti Internazionali/Avvisi . Nel testo del bando viene inoltre indicata la data di riapertura dello stesso, solitamente in autunno. (v. sotto)
    2. Nel bando viene indicata la data della sua riapertura. Cosa significa?

      Significa che gli studenti hanno la possibilità di presentare domanda anche dopo la prima scadenza del bando. Nel testo del bando, che esce una volta l’anno, viene specificato il lasso di tempo in cui ciò sarà possibile. E’ infatti probabile che non tutte le borse Erasmus disponibili siano state assegnate oppure che ci siano state delle rinunce da parte di chi è già risultato vincitore di borsa. Le borse ancora disponibili vengono quindi rimesse a bando. L’elenco delle sedi ancora libere verrà reso noto in tempo utile nella sezione del sito Rapporti Internazionali/Avvisi .
    3. Quando escono le graduatorie dei vincitori?

      Alla scadenza del bando la Commissione Erasmus del Dipartimento, coordinata dal C.A.I., prende in esame le domande pervenute e stila una graduatoria dei candidati in base ai criteri indicati nel bando e stabilisce l’assegnazione delle sedi. La graduatoria viene pubblicata sul sito del Dipartimento nella pagina Erasmus Studio. Nella sezione Rapporti Internazionali/Avvisi viene data notizia della pubblicazione della graduatoria.

    3. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO

    1. A chi devo consegnare la domanda Erasmus?

      La domanda deve essere compilata e presentata esclusivamente on line accendendo al programma Erasmus Manager http://unipi.erasmusmanager.it/ inserendo le proprie credenziali di Alice

    4. LEARNING AGREEMENT (LA)

    1. Cos'è il LA?

      Il Learning Agreement (LA) è il piano di studi relativo al soggiorno estero. Esso deve contenere l’indicazione degli insegnamenti che si intende seguire all’estero e deve essere firmato sia dal C.A.I. sia dal referente Erasmus dell’istituzione ospitante. La compilazione del LA deve essere fatta con molta cura in quanto, al rientro in Italia, potranno essere riconosciuti solo gli insegnamenti indicati nel LA.  viene approvato dal C.A.I. solo dopo che lo studente avrà raccolto le approvazioni dei referenti d’area in relazione ai singoli corsi che intende frequentare all’estero. Si ricorda che senza aver ottenuto tutte le firme nella sezione Before non si può stipulare il contratto e, quindi, nemmeno partire. Il contratto è scaricabile online dal proprio portale Erasmus solo dopo che la sezione Before del LA è stata caricata sullo stesso portale con le tre firme di cui necessita e approvata dallo staff dell’ufficio Erasmus.
    2. Quanti crediti posso/devo inserire nel LA? C'è un minimo o un massimo?

      Il massimo dei CFU che si possono ottenere durante il periodo di mobilità è 60 per 12 mesi e 30 per 6 mesi. Un periodo di mobilità di 9 mesi vale, da questo punto di vista, come un anno intero. Per poter ottenere il saldo della borsa lo studente/la studentessa deve ottenere almeno 6 CFU nel corso di un soggiorno di 6 mesi o 12 CFU se il soggiorno dura per l’intero a.a.
    3. Chi firma il mio LA e quando?

      Il LA viene firmato dal C.A.I. solo dopo che lo studente avrà raccolto le approvazioni dei referenti d’area in relazione ai singoli corsi che intende frequentare all’estero. Come attestazione dell’approvazione è importante che lo studenti porti al C.A.I. il LA con le firme dei referenti d’area a latere dell’insegnamento oppure copia della mail di approvazione ricevuta dal referente d’area.
    4. Chi è il C.A.I.?

      Il C.A.I. è il Coordinatore dell’Area Internazionale del proprio dipartimento. Per informazioni più dettagliate su orari di ricevimento e contatti clicca qui.
    5. Chi sono i referenti d’area?

      I referenti d’area sono i docenti a cui lo studente deve fare riferimento per l’approvazione del programma di studio all’estero. N.B. I referenti d’area non sono sempre i docenti che impartiscono a Pisa l’insegnamento che si vorrebbe frequentare all’estero, ma sono docenti del Dipartimento di FiLeLi incaricati dai singoli Corsi di Studio (CdS) di verificare e approvare il piano di studio Erasmus per l’area disciplinare di competenza. Per l’elenco dei referenti d’area consulta la pagina Referenti d’Area.
    6. Nella lista dei referenti d'area non trovo nessun nome per l'insegnamento che vorrei sostenere nella sede estera. A chi mi devo rivolgere?

      Direttamente al C.A.I. del Dipartimento.
    7. Posso inserire nel LA corsi esteri per i quali non trovo un corrispettivo esatto nei piani di studio del mio corso di laurea?

      Sì, possono essere riconosciuti come crediti liberi. In questo caso l’approvazione avviene direttamente tramite il C.A.I. dopo una valutazione degli insegnamenti esteri selezionati.
    8. Nel sito dell'Università estera che mi è stata assegnata non è stata ancora pubblicata l'offerta formativa relativa all'anno accademico del mio soggiorno. Come posso compilare il LA?

      Sui siti degli atenei con cui sussistono gli accordi non è sempre possibile trovare già in questo periodo indicazioni sull’offerta formativa dell’anno accademico a venire. È quindi previsto che selezioniate eventualmente gli insegnamenti, e indichiate i relativi crediti ECTS, sulla base dell’offerta formativa dell’anno in corso. Ci sarà tempo, prima di presentare il Learning Agreement, e soprattutto una volta arrivati nella sede assegnata, di apportare le modifiche necessarie (v. sotto).
    9. Posso modificare il LA?

      Sì, entro un mese dall’arrivo nel paese estero. Generalmente il LA approvato prima della partenza ha una funzione di orientamento, ma è solo all’arrivo nella sede estera che gli studenti possono rendersi realmente conto del valore dei corsi e, soprattutto, conoscere le diverse sovrapposizioni di orario che possono rendere difficile realizzare il programma di studio pensato in partenza. Le modifiche che si riveleranno necessarie devono essere approvate dai referenti d’area per via telematica. Una volta ottenuta l’approvazione dei referenti d’area, è assolutamente necessario che il LA con le modifiche venga passato allo scanner e inviato via mail al CAI che apporrà la sua firma e la data. Senza la firma del CAI il LA non ha alcun valore ufficiale. Le modifiche sono possibili solo attraverso il ‘During the mobility’.
    10. Una volta firmato il LA definitivo, posso seguire corsi diversi da quelli indicati oppure corsi aggiuntivi?

      La frequenza dei corsi può avvenire solo previo accordo con l’istituzione ospitante e il docente estero che impartisce l’insegnamento scelto. Tuttavia, i corsi non inseriti nel LA non potranno essere riconosciuti al rientro in Italia.

    5. RICHIESTA DI PROLUNGAMENTO DEL SOGGIORNO ERASMUS

    1. Cosa devo fare per ottenere un prolungamento?

      Per ottenere un prolungamento è necessario:
      1. entrare nel Portale Erasmus –> sezione Prolungamento con le proprie credenziali di Alice,
      2. inserire la nuova data di fine mobilità per ottenere on line il modulo di richiesta di prolungamento,
      3. stamparlo e inviarlo in pdf per farlo timbrare e firmare sia dal proprio CAI che dalla struttura estera ospitante,
      4. indicare la nuova data di fine mobilità nella sezione “During the mobility” del Learning Agreement, sottoscriverla e farla timbrare e firmare sia dal proprio CAI che dalla struttura estera ospitante.

    6. PRATICHE DA SVOLGERE IN VISTA DEL RIENTRO

    1. Quale documentazione devo procurarmi in vista del rientro a Pisa?

      Prima del rientro è necessario rivolgersi alla struttura estera ospitante per chiedere la compilazione e la sottoscrizione della sezione After the Mobility (receiving Institution/Organization) del LA. La data di firma della sede ospitante nella sezione After the mobility del LA non deve precedere la data di fine mobilità indicata nel documento stesso, perché, in tal caso, la data di firma sarà considerata come data di fine mobilità.Capita che alcune sedi si rifiutino di compilare e firmare la parte di competenza della sezione After the mobility del LA, e preferiscano rilasciare al suo posto un Transcript of Records (ToR). Il ToR può essere accettato come unico documento purché contenga tutte le informazioni richieste, comprese appunto le date effettive di inizio e fine mobilità. Nel caso in cui il ToR non riporti le date effettive di mobilità dovrà essere rilasciato dalla sede ospitante anche un certificato di durata che riporti tali indicazioni.
    2. Cosa si intende per Transcript of records?

      Il Transcript of Records viene rilasciato dall’Università Straniera ed è la trascrizione ufficiale delle prove di profitto previste nel LA. Nel Transcript of Records viene solitamente indicato il tipo di insegnamento, il titolo del corso, il numero dei crediti e il voto ottenuto con il superamento della prova di profitto.
    3. Nella sede ospitante mi dicono che spediranno il ToR direttamente a Pisa dopo la mia partenza. E' un problema?

      Ci sono sedi che non consegnano il ToR all’atto della partenza dello studente/della studentessa e lo spediscono in un secondo tempo, magari perché la correzione degli elaborati scritti e/o la verbalizzazione ufficiale degli esami vengono completate più tardi rispetto alla fine ufficiale del semestre. Non è un problema, ma in questo caso è necessario ottenere prima della partenza la firma sul LA after the mobility, anche se quest’ultimo non contiene ancora i voti degli esami, perché l’upload del LA completo sul portale Erasmusmanager è condizione essenziale per ottenere la liquidazione della borsa (v. oltre).

    7. ADEMPIMENTI NECESSARI AL MOMENTO DEL RIENTRO A PISA

    1. Qual è la prima cosa da fare una volta rientrati dalla mobilità?

      E’ importante consegnare al CAI la tabella finale del LA, che va compilata dallo studente/dalla studentessa (eventualmente chiedendo aiuto al CAI stesso o allo staff dell’ufficio), e deve contenere le titolature degli esami ‘pisani’ dei quali si chiede il riconoscimento e l’indicazione dei CFU a scelta libera e/o sovra-numerari (v. oltre). Questa tabella finale può anche non contenere l’indicazione dei voti, ma deve invece tassativamente indicare il numero e la tipologia dei CFU dei quali si chiede il riconoscimento.
    2. Cosa devo fare per ottenere il saldo della borsa?

      Per ottenere il saldo della borse lo studente/la studentessa dovrà accedere con le proprie credenziali al Portale Erasmusmanager e inserire i dati richiesti, che devono corrispondere a quelli indicati nella sezione After the Mobility del LA, e fare l’upload della sezione After the Mobility perfezionata. Se al posto della tabella finale del LA la sede estera ha consegnato il ToR ed eventualmente il certificato con le date di arrivo e partenza (v. sopra) questi documenti vanno caricati sul portale in un unico file in pdf, insieme alla tabella del LA after the mobility firmata dal CAI. Nel suo complesso, la sezione After the mobility del LA dovrà essere caricata nel portale Erasmusmanager obbligatoriamente entro 45 giorni dalla data effettiva di fine mobilità indicata nel documento stesso (e comunque non oltre il 15 novembre 2018). Solo l’upload di tale documento permette di ottenere il saldo della borsa.
    3. Come si verbalizzano gli esami Erasmus?

      Gli esami Erasmus, attestati dal LA after the mobility o dal ToR rilasciato dall’Università straniera, devono essere riconosciuti dai Referenti d’area (tranne che per gli studenti iscritti ai CdS in Informatica Umanistica, che devono rivolgersi direttamente alla dott. Policella), cioè dalle stesse persone che hanno approvato l’inserimento degli esami nel LA before the mobility ed approvato le eventuali modifiche nel LA during the mobility. I Referenti d’area verificano il programma realizzato, il numero di crediti e convertono il voto estero in voto italiano. I Referenti d’area trasmettono quindi il riconoscimento in formato elettronico alla Dott.ssa Silvia Policella che redige la delibera una volta che lo studente/la studentessa (e questo vale anche per gli iscritti ai CdS in Informatica Umanistica) abbia presentato richiesta di riconoscimento crediti formativi presso la Segreteria Studenti di Largo Bruno Pontecorvo, utilizzando l’apposito modulo scaricabile dalla pagina del sito di UNIPI dedicata ai servizi di Segreteria (area STUDENTI).
    4. Esiste una tabella di conversione tra voti Erasmus e voti italiani?

      Sì. Per visualizzarla clicca qui.
    5. Chi verbalizza gli esami Erasmus sul mio libretto personale cartaceo?

      Gli esami sostenuti in Erasmus non devono essere registrati sul libretto personale, che deve riportare esclusivamente le registrazioni delle attività formative sostenute presso l’Ateneo di Pisa. Gli esami sostenuti in Erasmus vengono inseriti direttamente nel sistema ALICE, e risultano quindi in forma elettronica.  
    6. Ho riportato un numero di crediti superiore a quelli necessari per completare il mio piano di studi. Esiste la possibilità di riconoscerli?

      Le nuove disposizioni dell’Ateneo prevedono che tutti i CFU ottenuti all’estero non solo possano, ma debbano essere riconosciuti nella carriera dello studente/della studentessa, eventualmente come CFU sovra-numerari da registrare nel Diploma Supplement (v. domanda successiva).
    7. Che cos'è il Diploma Supplement?

      Il Supplemento al Diploma è la certificazione integrativa del titolo conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore. Si tratta di un certificato che fornisce la descrizione, secondo un modello condiviso, della natura, del livello, del contesto, del contenuto e dello status degli studi effettuati e completati da ciascuno studente. La definizione del Diploma Supplement può essere utile specialmente per il traineeship. Se il traineeship vale solo come cfu extracurricolari, il Supplemento al Diploma è infatti l’unico documento che attesti ciò che lo studente ha fatto.