Requisiti per l’accesso

A partire dall’a.a. 2016/2017 i requisiti curriculari richiesti per l’ammissione alla Laurea Magistrale sono i seguenti:

essere in possesso di una laurea avendo acquisito almeno 54 CFU nel complesso dei settori INF/01, ING-INF/05, MAT/*, SECS-S/*, L-FIL-LET/*, L-LIN/*, L-ANT/*, L-ART/* , M-FIL/*, M-STO/*, SPS/* e in particolare:

  • almeno 12 CFU in uno o più dei seguenti settori: INF/01 (Informatica), ING-INF/05 (Ingegneria informatica);
  • almeno 12 CFU in uno o più dei seguenti settori: L-FIL-LET/12 (Linguistica italiana); L-LIN/01 (Glottologia e Linguistica);
  • almeno 6 CFU nel settore (L-LIN/12 lingua e traduzione: lingua inglese) o corrispondente attestato di conoscenza della lingua inglese di livello B2.

Ovvero: essere in possesso di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo a soddisfare i requisiti di cui sopra.

Il regolamento didattico del corso di studio definisce le modalità di verifica della personale preparazione dello studente.

Colloquio

Il possesso dei requisiti e l’adeguatezza delle conoscenze e delle competenze del candidato che ha fatto domanda di immatricolazione alla laurea magistrale sono verificati durante un colloquio con una commissione del Consiglio di Corso di Laurea che analizza il curriculum presentato (integrato se necessario con i programmi dei corsi seguiti).

Al termine del colloquio la commissione comunica al candidato una delle seguenti decisioni:

  • immatricolazione alla laurea magistrale
  • immatricolazione alla laurea magistrale condizionata all’accettazione di specifiche prescrizioni stabilite  dalla commissione, consistenti in un elenco di attività formative che devono essere necessariamente seguite
  • iscrizione a uno o più corsi singoli di transizione, in caso di mancanza anche parziale dei requisiti curriculari sopra indicati; l’immatricolazione alla laurea magistrale avverrà automaticamente al superamento di tutti gli esami previsti per i corsi singoli di transizione; l’immatricolazione alla laurea magistrale potrà essere condizionata all’accettazione di specifiche prescrizioni stabilite  dalla commissione, consistenti in un elenco di attività formative che devono necessariamente essere seguite.