Insegnamenti 2016/17


    Letteratura inglese II B

    Settore: L-LIN/10   Codice: 230LL   Crediti: 9   Semestre: 1
    Modulo unico: Lezioni, 54 ore, docente Roberta Ferrari

    Prerequisiti

    Lingua e letteratura inglese 1

    Obiettivi

    Al termine del corso lo studente saprà: 

    • pianificare e strutturare un lavoro di gruppo di argomento letterario, condurre una ricerca bibliografica, paragonare diversi approcci allo stesso testo, proporre un’analisi personale grazie agli strumenti acquisiti durante il corso; esporre i risultati del proprio lavoro oralmente di fronte alla classe; redigere una relazione scritta con relativa bibliografia;
    • comunicare sia in forma scritta che oralmente, in un linguaggio e un registro appropriati, contenuti relativi agli argomenti letterari del corso;
    • condurre in modo autonomo lo studio della storia letteraria e la contestualizzazione di alcune opere fondamentali, che saprà anche leggere e tradurre dall'originale.

     

    Verifica

    La verifica delle capacità acquisite avverrà attraverso prove diverse.

    L’esposizione orale di fronte alla classe sarà valutata con particolare attenzione all’efficacia e alla chiarezza espositive, all’uso di un linguaggio e di un registro appropriati agli argomenti, alla consapevolezza raggiunta in merito all’interpretazione del testo poetico.

    La verifica scritta valuterà la capacità di argomentare e di organizzare un discorso coerente su un determinato argomento, oltre all’adeguatezza stilistico-linguistica dell’elaborato.

    L’esame orale finale verificherà il grado di autonomia nello studio individuale, la capacità di affrontare la contestualizzazione dei testi dal punto di vista storico-culturale oltre che letterario. Lo studente dovrà inoltre dimostrare di saper leggere i testi in lingua originale e di saperli tradurre.

    Conoscenze

    Al termine del corso lo studente avrà acquisito:

    • specifiche conoscenze nell’ambito della poesia inglese del periodo elisabettiano, con particolare riferimento alla forma del sonetto, di cui conoscerà l'evoluzione in Inghilterra;
    • buona conoscenza delle forme teatrali medievali e dell'evoluzione del teatro fino all'età elisabettiana;
    • specifiche conoscenze nell’ambito della produzione teatrale inglese tra il secondo Cinquecento e la fine del Seicento, con particolare attenzione alla commedia shakespeariana e a quella della Restaurazione;
    • gli strumenti teorico-metodologici fondamentali per lo studio del testo poetico e di quello drammatico.

    Avrà inoltre acquisito autonomamente una buona conoscenza della storia letteraria inglese dalle origini al secondo Seicento, all’interno della quale saprà identificare i diversi paradigmi letterari, contestualizzare gli autori, seguire l'evoluzione di ciascun genere (narrativa, poesia, dramma). 

    Verifica conoscenze

    Le conoscenze storico-culturali e letterarie acquisite sia nell’ambito del corso, sia attraverso il lavoro individuale, saranno valutate attraverso:

    • l’esposizione orale in classe, che verificherà l’acquisizione degli strumenti teorico-metodologici nonché l’adeguata contestualizzazione del fenomeno sonettistico all’interno del panorama poetico elisabettiano;
    • una prova scritta al termine delle lezioni, nel mese di dicembre, consistente in domande aperte sugli argomenti teatrali del corso (le forme del teatro inglese del Medioevo; il fenomeno teatrale elisabettiano; la commedia shakespeariana; il teatro della Restaurazione; le opere analizzate in classe); 
    • un esame orale finale, in cui lo studente sarà tenuto a sapere identificare le caratteristiche fondamentali dei paradigmi letterari delle diverse epoche e quelle specifiche dei vari autori, collocandoli opportunamente all’interno del sistema culturale a cui appartengono. 

    Comportamenti

    Lo studente saprà:

    • gestire l'organizzazione di un lavoro di gruppo, negoziare contenuti e argomentazioni, armonizzare i risultati e le diverse posizioni in una proposta coesa e coerente;
    • svolgere autonomamente una ricerca bibliografica (sia localmente che online), rispettando le regole di correttezza e trasparenza rispetto al riconoscimento delle fonti e alla loro citazione.

    Verifica comportamenti

    L’esposizione orale permetterà di verificare il grado di maturità raggiunto dallo studente in relazione ai comportamenti che costituiscono l’obiettivo del corso (gestione dell'organizzazione di un lavoro di gruppo; soddisfacente capacità di negoziazione e armonizzazione).

    La relazione scritta valuterà la correttezza nell’uso del materiale bibliografico e la trasparenza nel rapporto con le fonti critiche.

    Programma

    Il corso è articolato in due distinte sezioni:

    1. Modulo A: 54 ore frontali, primo semestre Prof. Roberta Ferrari Shakespeare e oltre: la letteratura inglese da Elisabetta I al secondo Seicento

    2. Modulo B, lavoro indipendente dello studente: storia della letteratura e testi.

     

    MODULO A 

    Titolo: Shakespeare e oltre: la letteratura inglese da Elisabetta I al secondo Seicento

    Argomento del corso: Il corso intende fornire allo studente una panoramica della produzione letteraria inglese dall’Età di Elisabetta I fino al secondo Seicento.

    L’attività didattica si articolerà in due momenti distinti:

    1. una lezione settimanale sarà dedicata allo studio della forma poetica del sonetto, attraverso la lettura e l’analisi di alcuni componimenti del canzoniere shakespeariano, opportunamente contestualizzato.

    2. le restanti due lezioni settimanali focalizzeranno invece l’attenzione sulla produzione teatrale, in particolare sulla commedia shakespeariana e su quella della Restaurazione.

    L’analisi delle opere sarà finalizzata all’acquisizione degli strumenti teorico-metodologici fondamentali per lo studio del testo poetico e di quello drammatico.

     

    MODULO B

    STORIA DELLA LETTERATURA E TESTI

    Il modulo B prevede lo studio della Storia letteraria inglese dalle origini (letteratura anglosassone) alla Restaurazione compresa (fino al 1700). All'interno di questo orizzonte cronologico, lo studente dovrà saper identificare le caratteristiche fondamentali dei paradigmi letterari delle diverse epoche e quelle specifiche dei vari autori, collocandoli opportunamente all’interno del sistema culturale a cui appartengono. Dovrà inoltre dimostrare di saper leggere e tradurre i testi in lingua.

    Lo studio della letteratura sarà integrato dalla lettura e dal commento di una serie di testi in lingua originale.

    Modalità di esame

    Per quanto riguarda la sezione relativa allo studio del sonetto, agli studenti frequentanti sarà richiesta l’esposizione orale di un lavoro, svolto a gruppi, su uno o più componimenti a loro scelta.

    Relativamente al resto dell’esame, gli studenti potranno scegliere tra due diverse modalità di verifica:

    1. Accedere a una prova scritta in itinere, prevista nella settimana successiva alla fine del corso (dicembre 2016), che valuterà le conoscenze e competenze acquisite riguardo agli argomenti del modulo A (teatro) attraverso una serie di domande a risposta aperta e, successivamente, sostenere un esame orale sugli argomenti del modulo B, a partire dalla sessione invernale (gennaio-febbraio 2017).  
    2. Sostenere l’esame oralmente in un’unica soluzione (modulo A + modulo B).

    Non frequentanti

    Programma studenti non frequentanti: Gli studenti non frequentanti leggeranno anche:

    Paolo Bertinetti, Il teatro inglese. Storia e capolavori, Einaudi, Torino 2013, capp. I-II-III-IV-V;

    Dario Calimani, I sonetti della menzogna, Carocci, Roma 2009 (Introduzione, pp. 7-20; lettura e commento dei sonetti n. 2, 4, 12, 15, 18, 19, 33, 34, 55, 71, 73, 116, 129, 130; Postfazione, pp. 239-264).

    Elizabeth Story Donno, “Introduction” to William Shakespeare, Twelfth Night, ed. by Elizabeth Story Donno, The New Cambridge Shakespeare, Cambridge, CUP, 2003, pp. 1-34.

     

    Gli studenti non frequentanti sosterranno l'esame oralmente, in un'unica soluzione [modulo A (poesia e teatro) + modulo B]. 

    Bibliografia

    MODULO A

    Testi primari obbligatori:

    Poesia:

    William Shakespeare, Sonetti, testo inglese a fronte, a cura di Alessandro Serpieri, BUR, 1995 (selezione di sonetti).

     

    Teatro:

    William Shakespeare, The Comedy of Errors, tr. it con testo a fronte di Nadia Fusini, La commedia degli errori, Feltrinelli, Milano.

    William Shakespeare, Twelfth Night, ed. by Keir Elam, Arden Shakespeare, 2008; tr.it con testo a fronte di Agostino Lombardo, La dodicesima notte, Feltrinelli, Milano.

    William Wycherley, The Country Wife, tr. it. La moglie di campagna, a cura di Loretta Innocenti, con testo a fronte, Marsilio, Venezia 2009.

    Testi secondari obbligatori:

    Alessandro Serpieri, “Introduzione” a W. Shakespeare, Sonetti, cit., pp. 5-55.

    Stefano Manferlotti, Shakespeare, Salerno Editrice, Roma 2010, pp. 13-43; 204-243, 257-282.

     

    Testi metodologici di riferimento:

    Remo Ceserani, Il testo poetico, Il Mulino, Bologna, 2005: “Come si presenta un testo poetico”, pp. 9-13; “Chi parla nel testo poetico”, pp. 71-81; “Com’è fatto un testo poetico”, pp. 83-97; “Come si interpreta un testo poetico”, pp. 99-110.

    K. Elam, Semiotica del teatro, Il Mulino, Bologna, capp. 3 e 4.

     

    MODULO B 

    Testi primari obbligatori:

    Geoffrey Chaucer, “General Prologue” in The Canterbury Tales. I racconti di Canterbury, tr. italiana con testo a fronte, a c. di Vincenzo La Gioia, “Introduzione” di Piero Boitani, pp. I-XXXIX e 2-44.

    Ben Jonson, Volpone, a cura di Franco Marenco, Marsilio, Venezia 2003.

    John Ford, ‘Tis Pity She’s a Whore, ed. by Sonia Massai, Arden Shakespeare, 2011.

    John Donne, “A Valediction: Forbidding Mourning” e “The Flea”, in Liriche sacre e profane. Anatomia del mondo. Duello della morte, ed. italiana con testo a fronte a cura di Giorgio Melchiori, Mondadori.

    John Milton, Paradise Lost, Libro I, vv. 1-270 e Libro IV, vv. 172-392 in John Milton, Paradiso perduto, tr. it. con testo a fronte a cura di Roberto Sanesi, Classici Mondadori.

     

    Letture critiche e metodologiche obbligatorie:

    Piero Boitani, “Introduzione” ai Canterbury Tales, cit., pp. I-XXXIX.

    Franco Marenco, “Introduzione” a Ben Jonson, Volpone, a cura di Franco Marenco, Marsilio, Venezia 2003, pp. 11-58.

    Francesco Gozzi, Eros profano ed eros mistico nella poesia inglese del Seicento, ETS, Pisa 1997, pp. 7-39, 54-61.

    Sonia Massai, “Introduction” in John Ford, ‘Tis Pity, cit.

    David Daiches, “Milton” in A Critical History of English Literature, vol. II, London, Secker & Warburg, Second Edition, 1969, pp. 390-457.

    Storia della letteratura:

    Per la storia letteraria dalle origini alla Restaurazione compresa, si consiglia lo studio integrato dei seguenti manuali:

    A.Sanders, The Short Oxford History of English Literature, Oxford, Clarendon Press, Oxford 1996 (trad.it. Storia della letteratura inglese, a cura di A. Anzi, Milano, Mondadori, 2001).

    P. Bertinetti, Storia della letteratura inglese, 2 voll., Torino, Einaudi 1996. Volume I fino alla Restaurazione compresa.

    F. Gozzi, La tradizione letteraria inglese dalle origini al secondo Novecento, ETS, Pisa 2009.

     


    Fonte: Portale esami