Insegnamenti 2016/17


    Istituzioni di storia contemporanea

    Settore: M-STO/04   Codice: 076MM   Crediti: 6   Semestre: 2
    Modulo unico: Lezioni, 36 ore, docente Luca Baldissara

    Prerequisiti

    Non sono richieste particolari conoscenze o prerequisiti.

    Obiettivi

    Al termine del corso lo studente deve essere in grado di svolgere un testo scritto cogliendo e argomentando i fondamenti della storia contemporanea.

    Verifica

    Predisposizione di un testo scritto d'ammissione al colloquio orale.

    Conoscenze

    Obiettivo generale del corso è avviare la conoscenza dei lineamenti fondamentali della storia contemporanea europea tra la fine del XVIII secolo e la fine del XX, secondo una prospettiva di storia politica internazionale, con particolare attenzione alle dinamiche transnazionali di lungo periodo, come il rapporto fra imperi, nazioni e colonie, i momenti di competizione per l’egemonia, l’affermazione dei sistemi di democrazia di massa, le guerre mondiali e le risposte alle crisi.
    Obiettivi specifici sono la conoscenza dei principali elementi fattuali della storia europea, la capacità di collocarli nel tempo e nello spazio, e di esporli in modo chiaro e distinto; la comprensione dei nessi di relazione tra i fenomeni, dei loro rapporti di causalità e multi causalità, e la capacità di operare una iniziale forma di concettualizzazione.

    Verifica conoscenze

    Eventuali verifiche delle conoscenze saranno realizzate nella seconda parte del corso attraverso appositi test.

    Comportamenti

    Saranno acquisite capacità critiche di individuazione dei nodi problematici e interpretativi del discorso storico.

    Verifica comportamenti

    Eventuali test potranno verificare la capacità di cogliere i nodi essenziali del percorso di lettura e interpretazione proposto nelle lezioni.

    Programma

    Nel quadro delle linee generali di svolgimento della storia contemporanea europea, sono messi a fuoco in particolare i temi e i nodi problematici che consentono una trattazione comparata, coniugando l’attenzione alle peculiarità storiche nazionali con l’individuazione di prospettive transnazionali. Si fa perciò riferimento alle questioni dell’affermazione delle democrazie e all’estensione del suffragio, al ridisegno dei confini e degli spazi nazionali, al colonialismo, alla parabola di imperi e nazioni dal congresso di Vienna alla pace di Versailles, alla “guerra civile europea”, all’avvento e alla sconfitta dei fascismi, al riassetto mondiale bipolare, alla decolonizzazione e alla “golden age” occidentale fino agli anni Settanta del Novecento.

    Indicazioni metodologiche

    Le lezioni si svolgono frontalmente con l'eventuale ricorso a immagini e materiali su supporto informatico.

    Modalità di esame

    L'esame è svolto in forma di colloquio orale.

    Non frequentanti

    Ai non frequentanti è richiesta la conoscenza anche di:

    Salvatore Lupo, Il passato del nostro presente, Laterza.

    Bibliografia

    E' obbligatoria la lettura e lo studio di:

    Raffaele Romanelli, Lezioni di storia contemporanea, vol. I. Ottocento e vol. II, Novecento, Il Mulino.

    A questi volumi se ne aggiungerà un terzo a scelta tra i seguenti:

    Wolfgang Reinhard, Storia del colonialismo, Einaudi;

    Bruna Bagnato, L' Europa e il mondo. Origini, sviluppo e crisi dell'imperialismo coloniale, Mondadori education-Le Monnier;

    Guido Formigoni, Storia della politica internazionale nell’età contemporanea, Il Mulino;

    Victoria De Grazia, L' impero irresistibile. La società dei consumi americana alla conquista del mondo, Einaudi;

    Enzo Traverso, A ferro e a fuoco. La guerra civile europea (1914-1945), Il Mulino;

    Mark Mazower, Le ombre d’Europa. Democrazie e totalitarismi nel XX secolo, Garzanti;

    Tony Judt, Dopoguerra. Come è cambiata l'Europa dal 1945 a oggi, Mondadori.


    Fonte: Portale esami