Insegnamenti 2016/17


    Lingua e traduzione: lingua romena I

    Settore: L-LIN/17   Codice: 010LL   Crediti: 9   Semestre: 1-2
    Modulo unico: Lezioni, 54 ore, docente Claudia Mariana Ene

    Prerequisiti

    Non sono richiesti particolari prerequisiti per poter frequentare il corso.

    Obiettivi

    Alla fine del corso, lo studente deve essere in grado di compiere elementari operazioni di analisi e trasformazione di strutture linguistiche sul piano lessicale e morfosintattico e di comprendere e usare espressioni semplici, quotidiane, e frasi basilari per soddisfare bisogni immediati.

    Verifica

    Regolari esercitazioni in aula, esercizi da svolgere in autonomia e verifica scritta e orale al termine del corso.

    Conoscenze

    Il corso fornirà conoscenze specifiche di fonetica e di morfologia del romeno, in prospettiva romanza comparativa (caratteristiche della lingua romena a livello fonetico e strutture morfologiche fondamentali); inoltre, gli studenti potranno acquisire le forme e le strutture utili a interagire in diversi contesti sociali e a esprimere opinioni in modo semplice, nonché un repertorio lessicale di base (parole ed espressioni riferibili a situazioni comunicative concrete e necessarie per far fronte a semplici bisogni di sopravvivenza).

    Verifica conoscenze

    Regolari esercitazioni in aula, esercizi da svolgere in autonomia e verifica scritta e orale al termine del corso.

    Comportamenti

    Lo studente potrà acquisire una capacità metalinguistica di base e una buona competenza passiva di un testo scritto (lettura, comprensione).

    Verifica comportamenti

    Regolari esercitazioni in classe, esercizi da svolgere in autonomia e verifica scritta e orale al termine del corso.

    Programma

    Il corso, in sinergia con le esercitazioni di lettorato, propone:

    1. una descrizione sistematica della lingua romena;
    2. un percorso di apprendimento relativo all’uso strumentale della lingua, che mira a raggiungere il livello di competenza linguistica A2 del Quadro Europeo di Riferimento.

    In particolare si affronteranno:

    1. strutture morfologiche: sostantivo, articolo indeterminativo / determinativo, genitivale, aggettivale; aggettivo e gradi dell’aggettivo; verbo (coniugazioni, modi, tempi); aggettivi / pronomi: personali, dimostrativi, relativi, indefiniti; numerali.
    2. uso delle forme più frequenti per salutare, congedarsi, presentare qualcuno, attirare l’attenzione, stabilire contatti sociali di base (fare inviti, scusarsi), esprimere in modo semplice opinioni.
    3. un repertorio lessicale di base costituito da parole ed espressioni riferibili a situazioni comunicative concrete e necessarie per far fronte a semplici bisogni di sopravvivenza.

    Il lettorato si propone di attivare le strutture fondamentali del romeno (morfologia, sintassi, lessico), portando lo studente ad essere in grado di gestire interazioni comunicative in diversi contesti situazionali, legati prevalentemente agli ambiti: personale, educativo e pubblico.

    Indicazioni metodologiche

    Il corso prevede lezioni frontali e lezioni nell’ambito del lettorato.

    Durante le lezioni frontali si presenteranno i relativi contenuti linguistici e si darà spazio alla riflessione teorica sulla lingua, utilizzando materiali didattici che integrino anche elementi di storia, civiltà, letteratura e cultura romena; la spiegazione delle strutture funzionali della lingua sarà accompagnata ed esemplificata da esercizi concepiti al fine di migliorare le competenze grammaticali e lessicali (esercizi di abbinamento, completamento e ricostruzione di un testo, identificazione e correzione di errori, ecc.).

    Le lezioni di lettorato saranno tenute in forma seminariale e prevedono la partecipazione attiva degli studenti; la lingua verrà studiata in modo tale da motivare gli studenti a interagire durante le conversazioni dedicate a temi attuali della cultura romena; per una migliore comprensione dei meccanismi di funzionamento delle strutture del romeno, si proporrà un approccio contrastivo nel contesto delle lingue romanze e soprattutto dell’italiano.

    Modalità di esame

    L’esame, svolto nella classica forma dell’elaborato scritto con successiva discussione orale della prova, verifica le conoscenze e le principali abilità linguistiche corrispondenti al livello A2 del Quadro Europeo di Riferimento, valutando, oltre alla conoscenza grammaticale e lessicale, la capacità di interagire in modo formale e informale in diversi contesti situazionali (l’efficacia comunicativa, la correttezza morfosintattica, l’ortografia, l’adeguatezza e la ricchezza lessicale, l’adeguatezza stilistica).

    Non frequentanti

    Il programma di esame è valido sia per gli studenti frequentanti che per i non frequentanti.

    Bibliografia

    Negri?escu, Valentina, Davide Arrigoni, Grammatica romena. Morfologia, sintassi ed esercizi, Hoepli, Milano, 2009.

    Bunget, Ileana, Comunicare in romeno. Corso di lingua romena per italiani, Hoepli, Milano, 2010.

    Bibliografia di approfondimento:

    Jinga, Lauren?ia, Grammatica romena per italiani, Edizioni dell’Orso, Alessandria, 2004.

    Academia Român? – Institutul de Lingvistic? “Iorgu Iordan - Al. Rosetti”, Gramatica limbii române, 2 voll., Editura Academiei Române, Bucure?ti, 2008.

    Negri?escu, Valentina, Nicoleta Ne?u, Grammatica d’uso della lingua romena. Teoria ed esercizi - Livelli A1-B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue, Hoepli, Milano, 2014.

    Dizionari consigliati

    AA.VV., Dizionario italiano-romeno, Editura 100+1 Gramar, Bucure?ti, 1996; III ed., 1999. 

    AA.VV., Dic?ionar român-italian, Editura 100+1 Gramar, Bucure?ti, 1999. 

    Valentina Negri?escu, Dizionario di romeno. Edizione tascabile: Romeno-Italiano e Italiano-Romeno, Hoepli, Milano, 2007. 


    Fonte: Portale esami