Debiti formativi


    In presenza di debiti formativi, gli studenti, tenuti comunque a presentare domanda di iscrizione al corso di laurea secondo la procedura di Ateneo, sono iscritti d’ufficio ai Corsi Singoli di Transizione e Recupero (CSTR).

    Il recupero dei crediti mancanti non prevede esplicitamente la frequenza agli insegnamenti, a meno che lo studente non lo preferisca. Nella delibera di ammissione con debito e, quindi, di iscrizione ai CSTR, saranno esplicitati i crediti da recuperare e i docenti con i quali sostenere gli esami. Con tali docenti dovranno essere concordati i programmi per il numero di cfu espressi in delibera. I riferimenti dei docenti sono reperibili sul sito di UNIPI, alla pagina UNIMAP http://unimap.unipi.it

    L’esubero di crediti in un ambito non può compensare il deficit in altri ambiti.

    Durante la fase di recupero del debito lo studente potrà seguire la didattica della Laurea Magistrale e sostenere prove in itinere, ma non può accedere agli esami previsti dal piano di studi prima di aver debitamente recuperato quelli ascritti a debito.

    Una volta colmato il debito formativo, lo studente:

    • dovrà segnalare l’avvenuto completamento degli esami ascritti a debito inviando una mail contenente l’elenco delle attività formative a recupero, completo di data di sostenimento, voto e crediti al Sig. Fabio Fagiolini della Segreteria Studenti f.fagiolini@adm.unipi.it
    • transiterà quindi alla Laurea Magistrale (qualora il passaggio avvenga in un periodo dell’anno in cui le tasse versate per l’iscrizione ai corsi di transizione/recupero sono ancora valide, queste varranno anche per la laurea magistrale).
    • potrà sostenere gli esami previsti dal piano di studi di LINGTRA.

    Si precisa che gli iscritti ai CSTR non hanno vincoli temporali per il recupero dei debiti. Saranno equiparati in tutto e per tutto agli studenti della LM, quindi non dovranno ulteriormente preoccuparsi della scadenza per l’ammissione alla LM, a meno che non facciano richiesta di borsa di studio. Il DSU infatti richiede che gli studenti siano effettivamente iscritti alla LM e non ai CSTR per l’erogazione dei benefici.