Erasmus Traineeship outgoing


    Il Traineeship (ex Erasmus Placement) è un’attività di formazione che lo studente può svolgere nei Paesi partecipanti al Programma Erasmus Plus presso: 1) Istituti di istruzione superiore titolari di ECHE (Erasmus Charter for Higher Education); 2) qualsiasi organizzazione pubblica o privata attiva sul mercato del lavoro o nei campi dell’istruzione, della formazione e della gioventù.

    La durata della mobilità per Traineeship è compresa tra i 2 e i 12 mesi (v. bando Erasmus). Lo studente è libero di determinare la durata del tirocinio, d’accordo con l’ente che lo ospita. N.B. La mobilità per traineeship può essere effettuata anche da NEO LAUREATI entro 12 mesi dal conseguimento del titolo, purchè lo studente abbia presentato domanda di candidatura al Bando e venga selezionato quando è ancora iscritto all’ultimo anno di corso di studio (anche fuori corso).

    Anche per il Traineeship è necessario presentare domanda (v. bando Erasmus). La commissione Erasmus del Dipartimento di FiLeLi, coordinata dal C.A.I., prenderà in esame le domande e stilerà una graduatoria in base ai criteri indicati nel bando. Potranno essere prese in considerazione soltanto le domande presentate in modo completo e corretto.

    Per l’Erasmus Traineeship (ex Erasmus Placement) l’Ufficio Erasmus del Dipartimento non offrirà una consulenza specifica relativa a sedi e modalità. Uno degli scopi dell’Erasmus Traineeship è infatti far sì che gli studenti sviluppino la capacità di orientarsi nel mondo del lavoro e trovare in totale autonomia un ente presso il quale svolgere il tirocinio. Talvolta il Dipartimento riceve proposte di accordi con sedi estere alle quali è possibile rivolgersi per lo svolgimento di un periodo di tirocinio. Di questi accordi si darà via via notizia nella pagina News Rapporti Internazionali di questo sito e su Moodle. Le notizie saranno preceduta dalla dicitura “Accordo per Traineeship”.

    Nel bando Erasmus è inoltre indicata la tipologia delle sedi di tirocinio possibili. Per fare solo alcuni esempi, sono generalmente eleggibili come sedi di tirocinio:

    – piccole, medie o grandi imprese, pubbliche o private; – enti pubblici a livello locale, regionale, nazionale; – organizzazioni del mondo del lavoro, incluse le camere di commercio, associazioni professionali e dell’artigianato e organizzazioni sindacali; – istituti di ricerca; – fondazioni; – scuole/istituti/centri educativi di qualsiasi livello;- organizzazioni no-profit, associazioni, ONG; – enti di orientamento professionale, consulenza professionale e servizi di informazioni.

    Non sono eleggibili le istituzioni comunitarie, incluse le Agenzie Europee, gli organismi che gestiscono programmi comunitari (al fine di evitare conflitti di interesse e/o doppi finanziamenti), le rappresentanze diplomatiche nazionali (ambasciate etc) del Paese presso il quale lo studente è iscritto nonché quelle di origine/cittadinanza dello studente nel Paese ospitante.

    Sono invece eleggibili:

    – gli uffici Relazioni Internazionali degli Istituti di istruzione superiore purchè l’attività di formazione prevista durante il periodo di tirocinio sia chiaramente espressa nel training Agreement e non sia già cofinanziata nell’ambito di altri programmi comunitari, in modo da evitare possibili conflitti di interessi e/o doppi finanziamenti;

    – altre rappresentanze o istituzioni pubbliche come gli istituti di cultura, le scuole, etc. a patto che sia garantito il principio di transnazionalità (es: lo studente acquisisce un know how diverso da quello che acquisirebbe con un traineeship nel proprio Paese). In tal caso diventa responsabilità dell’Istituto di appartenenza dello studente verificare e valutare se i criteri richiesti vengono soddisfatti.

    Per ulteriori chiarimenti e informazioni si consiglia di recarsi al ricevimento della D.ssa SILVIA POLICELLA.