DidatticaCalendario didatticoCalendario didattico a.a. 2019/2020 

Seminari istituzionali 2019/2020

17.06-02.07.2020

 

17.06.2020 (Aula virtuale ‘Dottorato DiLLeS – didattica’, 10:00-12:30)

M. Sabbatini
La città-testo nella Russia del Novecento. Struttura, semiosi e funzione dello spazio urbano nella cultura letteraria russa del XX secolo (LETT)

 

18.06.2020 (Aula virtuale ‘Dottorato DiLLeS – didattica’, ore 10:00-12:00)

S. Calamai
Dalla parte dell’ascoltatore (LING)

 

29.06.2020 (Aula virtuale ‘Dottorato DiLLeS – didattica’, 15:00-16:30, 16:45-18:15)

S. Simonatti / M. Foschi / M. Lupetti
Gli albori della grammaticografia volgare – Antonio de Nebrija, Gramática de la lengua castellana, 1492; Valentin Ickelsamer, Deusche Grammatik, 1535; Fernão de Oliveira, Gramática da lingoagem portuguesa, 1536 (LING)

 

30.06.2020 (Aula virtuale ‘Dottorato DiLLeS – didattica’, ore 14:00)

S. Brugnolo
Su Galileo Galilei, Pascal, Cervantes e Molière e l’affermazione del libero pensiero (LETT)

 

01.07.2020 (Aula virtuale ‘Dottorato DiLLeS – didattica’, ore 9:00-12:00, 15:00-18:00)

A. Ghezzani / S. Grazzini
Da tema a principio epistemologico e strutturale: il labirinto nel Novecento letterario ispano-americano e tedesco (LETT)

Nel suo importante studio dedicato alla letteratura tedesca dal Romanticismo alla fine del XX secolo, Silvio Vietta insiste sulla pervasività del motivo del labirinto e ne propone una lettura che merita attenzione anche in riferimento ad altri contesti nazionali: da una parte, il labirinto sarebbe cifra letteraria del venir meno di nessi epistemologici per cui il soggetto si muove per tentativi per lo più fallimentari e/o ridicoli, senza riuscire mai a raggiungere né il suo obiettivo né una visione di insieme della sua situazione; dall’altra, in quanto mitologema, il labirinto renderebbe tale crisi visibile e riconoscibile, agevolandone una presa di coscienza di cui il testo si fa veicolo. Partendo da questo spunto, il seminario proporrà l’approfondimento di alcune importanti riscritture primo e secondo novecentesche del mito del labirinto (con o senza Minotauro, con o senza Dedalo, Teseo e Arianna). In particolare, oltre a valutare l’eventuale pertinenza delle tipologie proposte da Eco (unicursale, manieristico o rizomatico), si studieranno le declinazioni tematiche e/o strutturali del mitologema connesse alla crisi epistemologica della modernità e, in alcuni casi, a specifici eventi della storia.

La struttura seminariale dell’incontro prevede la lettura previa da parte delle dottorande e dei dottorandi dei testi sotto indicati, che saranno oggetto di analisi e di riflessione condivise. Per l’eventuale relazione, che sarà valutata congiuntamente da entrambe le docenti, sarà possibile analizzare testi diversi da quelli trattati nel seminario e anche di altre letterature nazionali.

E’ richiesta la lettura previa dei seguenti testi:

Jorge Luis Borges, “La biblioteca di Babele”; “Il giardino dei sentieri che si biforcano”, in Id. Finzioni.

Jorge Luis Borges, L’Aleph: “L’Immortale”; “La casa di Asterione”; “Abenjacán il Bojarí, ucciso nel suo labirinto”; “I due re e i due labirinti”
(I titoli in italiano fanno riferimento alla seguente edizione: Jorge Luis Borges, Opere complete, a cura di Domenico Porzio, Milano, Mondadori, 1984)

Franz Kafka, “La tana” (va bene qualsiasi edizione)

Friedrich Dürrenmatt, Il Minotauro, Marcos Y Marcos, 2012 (oppure: F. M., “Minotauro. Una ballata”, in Id. Racconti, Feltrinelli, 1996, pp. 358-370.

André Gide, Teseo, Crescenzi Allendorf, 1993

N.B. I dottorandi e le dottorande che si specializzano nelle letterature di riferimento sono tenuti a leggere i testi in lingua originale. Durante il seminario le docenti forniranno ulteriori indicazioni di bibliografia critica. 

 

02.07.2020 (Aula virtuale ‘Dottorato DiLLeS – didattica’, 10:30-12:00, 15:00-16:30)

F. Rovai
Continuità e discontinuità nella transizione latino-romanza (LING)

Il seguente testo è una sintesi delle coordinate entro cui si inquadra, oggi, il dibatto relativo al tema seminariale. Se ne consiglia la lettura in vista della partecipazione all’incontro.

Vincent, N. (2016), Continuity and change from Latin to Romance, in Adams, J. e Vincent, N. (2016, eds.), Early and Late Latin: Continuity or Change?, Cambridge University Press, Cambridge, pp. 1-13.