Eventi 

Giornata europea delle lingue 2020

 

GIORNATA EUROPEA DELLE LINGUE – 26 settembre 2020

BILINGUISMO, PLURILINGUISMO, IDEOLOGIA

tra didattica e creazione letteraria

(link al collegamento: https://fileli.unipi.it/lin/200926-gel2020)

In occasione della Giornata Europea delle Lingue, che si celebra sabato 26 settembre in tutti i paesi dell’Unione, il Corso di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Pisa (Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica) organizza una serie di incontri in streaming, in collaborazione con il Centro Interuniversitario di Ricerca sulla Storia degli Insegnamenti Linguistici, CIRSIL (https://cirsil.it/).

Dopo il successo dell’edizione 2019, dedicata ai rapporti tra intelligenza artificiale e apprendimento linguistico, organizzata in partnership con la Commissione europea – direzione generale Traduzione  (http://gel.fileli.unipi.it/), le celebrazioni 2020 si conconcentreranno sui rapporti tra didattica delle lingue e ideologia nell’età moderna e contemporanea e incroceranno la riflessione sul bilinguismo e il multilinguismo nella creazione letteraria.

La giornata sarà divisa in due parti:

  1. Gli interventi del mattino (9.30-13.00) affronteranno i rapporti tra insegnamenti linguistici e ideologie. Prenderannno la parola Laura Pinnavaia, Ideology in learner’s dictionaries (introduce Giovanni Iamartino) e Alejandra Ragúnaga, Etnolexicografía del español y el portugués latinoamericanos: apuntes sobre el lugar de las voces indígenas en las “lenguas nacionales” de Argentina y Brasil. Questi due primi interventi rappresentano un’anteprima del Convegno CIRSIL previsto per il 2020 ma rimandato, causa covid-19, al 2021. La mattinata prosegue con  Alessandra D’Atena, Il bilinguismo poetico di Rose Ausländer: le autotraduzioni; e Barbara Meazzi, Plurilinguismi poetici: Amelia Rosselli e Ilse Garnier.
  2. Gli interventi del pomeriggio (14.30-19.00) saranno dedicati al plurilinguismo letterario. Prenderanno la parola gli scrittori Matei Vişniec (poeta, drammaturgo e prosatore romeno-francese, giornalista di Radio France Internationale), Maxim D. Shrayer (scrittore russo-inglese), Włodek Goldkorn (scrittore e giornalista di origine polacca, per molti anni responsabile del settore cultura dell’ “Espresso”), Vera Lúcia de Oliveira (poetessa brasiliana e docente all’Università di Perugia), Sergi Pàmies (scrittore trilingue che per ragioni storiche e biografiche scrive in catalano e traduce dal francese in castigliano), Antonella Anedda (poetessa e traduttrice dal francese, dall’inglese e dal russo, che ha pubblicato nel 2019 una raccolta nella Bianca di Einaudi ricca di ibridazioni linguistiche) e Douglas Reid Skinner (poeta e traduttore sudafricano). Ciascuno scrittore sarà introdotto e incalzato dalle colleghe di Letteratura romena Emilia David (Matei Vişniec), di Lingua russa Cinzia Cadamagnani (Maxim D. Shrayer), di Lingua e Letteratura Polacca Giovanna Tomassucci (Włodek Goldkorn), di Letteratura francese Antonietta Sanna (Antonella Anedda) e da Vincenzo Russo, docente di Letteratura portoghese all’Università di Milano e studioso di letteratura migrante (Vera Lúcia de Oliveira), Francesco Ferrucci, traduttore da spagnolo e catalano (Sergi Pàmies), Marco Fazzini, poeta e traduttore, oltre che docente di Letteratura inglese (Douglas Skinner).

Qui il programma completo: scarica il programma.

L’iniziativa è patrocinata da:

Commissione europea Rappresentanza in Italia, Ambasciata britannica a Roma, Ambasciata del Canada, Consolato della Repubblica Federale di Germania a Milano, Accademia di Romania, Instituto Camões di Lisbona, Institut Ramon Llull di Barcellona, Instituto Cervantes di Madrid a Roma, Institut Français di Firenze, Associazione Italiana di Germanistcica, Associazione Nazionale dei Docenti di Anglistica (ANDA), Associazione italiana di studi canadesi, Associazione italiana di studi sulle culture e letterature di lingua inglese, Associazione italiana di Romenistica, Associazione italiana di studi portoghesi e brasiliani.