Regolamento interno

  1. Finalità

    1. Il Dottorato in Discipline Linguistiche e Letterature Straniere (nel seguito: Dottorato) organizza, promuove e coordina la formazione dottorale finalizzata all’acquisizione delle competenze necessarie per esercitare presso università, enti pubblici o soggetti privati attività di ricerca di alta qualificazione relative alle discipline filologiche moderne, letterarie e linguistiche facenti capo all’area scientifica 10, assicurando la qualità della formazione e del metodo formativo e la valutazione dei risultati. Il Dottorato promuove l’internazionalizzazione degli studi e favorisce gli scambi di docenti e di dottorandi con Atenei e Centri di ricerca esteri, nel rispetto della normativa d’Ateneo.
    2. Il Dottorato è istituito secondo le norme vigenti e in conformità con il regolamento di ateneo in materia.
    3. Il Dottorato ha sede presso il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica.
  2. Articolazione in curricula

    1. Il Dottorato è articolato nei curricula di cui all’allegato 1 del presente regolamento.
    2. Il Dottorato organizza e coordina le attività scientifiche dei curricula, assicurandone la qualità della formazione alla ricerca e del metodo formativo e la valutazione dei risultati. I percorsi formativi attivati dai singoli curricula sono elencati nell’allegato di cui al precedente comma.
    3. Il Dottorato propone annualmente al Senato accademico l’attivazione dei curricula afferenti, l’eventuale chiusura di un curriculum o l’attivazione di un nuovo curriculum. Le delibere assunte devono essere motivate dalla qualità dell’attività scientifica e formativa e dalla verifica della presenza di un adeguato numero di docenti con rilevante produzione scientifica nelle tematiche del Dottorato, nel rispetto delle norme stabilite dal regolamento di ateneo. Eventuali modifiche dell’allegato 1 non comportano modifiche al presente Regolamento.
  3. Organi del Dottorato

    Gli organi del Dottorato sono:

    1. il collegio dei docenti
    2. il coordinatore
    3. la giunta

    come definiti nel Regolamento di ateneo in materia e negli articoli seguenti del presente regolamento.

  4. Il collegio dei docenti

    1. Il collegio dei docenti è composto dai professori e i ricercatori afferenti al Dottorato, più due rappresentanti dei dottorandi. I rappresentanti dei dottorandi non partecipano alla discussione e alla deliberazione sulla valutazione annuale degli iscritti e l’organizzazione dell’esame finale.
    2. Il collegio ha funzioni di indirizzo generale delle attività del Dottorato; in particolare, esercita le funzioni previste dall’art. 4 del Regolamento di ateneo sul Dottorato di ricerca.
    3. Il collegio elegge il coordinatore fra i suoi membri (professori di prima fascia o, in mancanza, di seconda fascia) in servizio a tempo pieno presso l’Università di Pisa, con le stesse modalità previste per le elezioni dei presidenti dei corsi di studio; qualora, a seguito di almeno due tornate elettorali, nessun professore ordinario risulti eletto, l’elettorato attivo e passivo è esteso anche ai professori associati. Il coordinatore è nominato con decreto del Rettore e dura in carica 3 anni accademici. Il mandato può essere rinnovato al più una volta.
    4. Il collegio può essere riunito su richiesta di almeno un terzo dei membri o per convocazione da parte del coordinatore, che lo presiede.  
  5. Coordinatore

    1. Il coordinatore convoca e presiede la giunta e il collegio dei docenti, vigila sul funzionamento delle strutture e dei servizi del Dottorato, rappresenta il Dottorato presso l’Ateneo e ogni altro organismo esterno.
    2. Il coordinatore può designare un vicecoordinatore, scelto fra i professori o ricercatori dell’Università di Pisa che siano membri del collegio, che lo sostituisce in tutte le sue funzioni in caso di assenza o di impedimento temporaneo.
    3. In caso di comprovata necessità e urgenza, il coordinatore può adottare delibere con proprio provvedimento. Il provvedimento è sottoposto al collegio dei docenti per la ratifica nella prima seduta utile.
  6. Giunta

    1. La giunta ha funzioni istruttorie nei confronti del collegio dei docenti.
    2. Essa è composta dal coordinatore con funzioni di presidente, da due docenti rappresentanti per ciascun curriculum (eletto dai docenti afferenti ai rispettivi curricula) e da un rappresentante dei dottorandi scelto tra i due rappresentanti nel collegio dei docenti.
    3. Il mandato dei membri docenti della giunta ha la durata di 3 anni, ed è rinnovabile al più una volta. Il mandato dei rappresentanti dei dottorandi dura 2 anni, salvo decadenza anticipata per qualsiasi causa dal mandato.
  7. Rapporti con il Dipartimento

    1. Ai fini del funzionamento del Dottorato, il Consiglio di Dipartimento, quale sede amministrativa del Dottorato, assegna a quest’ultimo i fondi messi a disposizione dall’Ateneo sui quali successivamente il collegio dei docenti delibera in merito alla loro ripartizione in modo proporzionale al numero di dottorandi di ciascun curriculum.
  8. Modalità di ammissione

    1. L’ammissione al Dottorato avviene sulla base di una selezione a evidenza pubblica (art. 9 del Regolamento d’ateneo sul dottorato di ricerca), con la formazione di un’unica graduatoria di merito per il Dottorato.
    2. Sono oggetto di valutazione: a) il curriculum del candidato (comprensivo della tesi di laurea e di eventuali pubblicazioni) e il suo progetto di ricerca, con soglia minima di superamento di 12/20; b) una prova scritta, consistente in un elaborato attinente al curriculum prescelto, con soglia minima di superamento di 24/40; c) un colloquio orale (comprensivo della discussione del progetto di ricerca presentato dal candidato al momento dell’iscrizione), con soglia minima di superamento di 24/40.
  9. Cotutele

    1. Le proposte di tesi in cotutela con Atenei stranieri devono essere vagliate e approvate dal collegio dei docenti. Il coordinatore, nel corso della prima riunione utile, informa il collegio dei docenti delle cotutele attivate.
    2. I dottorandi stranieri in regime di cotutela sono tenuti a partecipare, nel periodo di soggiorno in Italia, alle attività didattiche del curriculum a cui appartengono e comunque a sottoporsi alle procedure di verifica annuale previste per i dottorandi.
  10. Esame finale per il conseguimento del titolo

    1. L’esame finale è disciplinato dall’art. 13 del Regolamento d’ateneo sul Dottorato di ricerca.
  11. Diritti e doveri dei dottorandi

    1. I dottorandi possono svolgere annualmente all’interno dell’ateneo non più di 20 ore di attività didattica integrativa.
    2. Entro il 31 ottobre ciascun dottorando deve presentare una relazione annuale che preveda, oltre alla descrizione degli obiettivi di ricerca e delle attività relative, l’illustrazione della ricerca già svolta, nonché, nel caso di dottorandi di I e II anno, da svolgere l’anno seguente. La relazione sarà oggetto di valutazione positiva o negativa: in caso di valutazione negativa, non sarà concesso il passaggio all’anno successivo.
  12. Norme finali

    1. Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente Regolamento, si rinvia alla normativa nazionale vigente in materia e al Regolamento di Ateneo sul Dottorato di Ricerca.

Allegato 1

Percorsi formativi attivati dai singoli curricula

Letterature straniere moderne (inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco, slavistica)

  • L-LIN/03 Letteratura francese
  • L-LIN/05 Letteratura spagnola
  • L-LIN/06 Lingua e letterature ispano-americane
  • L-LIN/08 Letterature portoghese e brasiliana
  • L-LIN/10 Letteratura inglese
  • L-LIN/13 Letteratura tedesca
  • L-LIN/21 Slavistica
  • L-FIL-LET/14 Critica letteraria e letterature comparate  

Linguistica generale, storica, applicata, computazionale, educativa e delle lingue moderne (inglese, francese, spagnolo, portoghese, tedesco, lingue baltiche)

  • L-LIN/01 Glottologia e linguistica
  • L-LIN/02 Didattica delle lingue moderne
  • L-LIN/04 Lingua e traduzione – Lingua francese
  • L-LIN/07 Lingua e traduzione – Lingua spagnola
  • L-LIN/09 Lingua e traduzione – Lingue portoghese e brasiliana
  • L-LIN/12 Lingua e traduzione – Lingua inglese
  • L-LIN/14 Lingua e traduzione – Lingua tedesca
  • L-FIL-LET/15 Filologia germanica