Tag: Public engagement

ExpoDicos. Le français du QuĂ©bec dans les dictionnaires: visite guidate in francese e italiano – 4 giugno 2024

Il 4 giugno 2024 sarĂ  l’ultimo giorno utile per visitare la mostra ExpoDicos. Le français du QuĂ©bec dans les dictionnaires.

Il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica organizza per l’occasione due visite guidate: dalle 16:00 alle 17:00 in lingua francese e dalle 17:00 alle 18:00 in lingua italiana. La visita, aperta a tutta la cittadinanza, ù gratuita e prevede la prenotazione fino a un massimo di 15 persone per ciascuno slot.

Prenota la tua visita

Alla fine della visita sarĂ  chiesto di compilare un breve questionario di gradimento.

Per qualsiasi ulteriore informazione, si prega di contattare il professor Francesco Attruia.

ExpoDicos. Le français du QuĂ©bec dans les dictionnaires 🇫🇷

En partant de mots caractĂ©ristiques de la culture quĂ©bĂ©coise ou du français quĂ©bĂ©cois, ExpoDicos permet d’identifier les diffĂ©rentes sources du lexique quĂ©bĂ©cois et par le fait mĂȘme les contacts des francophones du QuĂ©bec avec diffĂ©rents peuples au cours de leur histoire. Elle retrace aussi la description de mots quĂ©bĂ©cois au cours des siĂšcles dans certains dictionnaires faits en France (LittrĂ©, Dictionnaire de l’AcadĂ©mie française, TrĂ©sor de la langue française, Petit Robert) et met ces visions de nos mots en dialogue avec certains dictionnaires quĂ©bĂ©cois qui constituent des jalons importants de la lexicographie du QuĂ©bec des 150 derniĂšres annĂ©es.

Allegati

Poster

Quaranta sonetti giocosi tradotti da Giulia Poggi: presentazione – 30 maggio 2024

30 maggio 2024

17:00

Gipsoteca di Arte Antica (piazza San Paolo all’Orto, 20)


Presentazione di Quaranta sonetti giocosi di Luis de GĂłngora, una raccolta di sonetti tradotti da Giulia Poggi, giĂ  docente di letteratura spagnola presso la nostra universitĂ .

Dialogheranno con la traduttrice Maria Cristina Cabani (UniversitĂ  di Pisa) e Pietro Taravacci (UniversitĂ  di Trento).

Tutta la cittadinanza Ăš invitata a partecipare.

Allegati

Poster

Un certo Kafka: ciclo di iniziative nel centenario della morte dello scrittore – 3 e 4 giugno 2024

Il 3 giugno 1924 Franz Kafka si spegneva, dopo mesi di agonia, nella clinica del dottor Hoffmann a Kierling, nei pressi di Vienna. Di lĂŹ a poco Max Brod, suo amico ed esecutore testamentario, avrebbe pubblicato i suoi testi inediti, tra i quali i tre romanzi incompiuti (Il processo, Il castello, America), e sarebbe iniziata la sua corsa nel mito.

In occasione di questo importante centenario, il ciclo di iniziative raccolte sotto il titolo Un certo Kafka offrirĂ  un momento di confronto e di bilancio su un autore che ha segnato profondamente la letteratura europea e, piĂč in generale, la coscienza moderna e contemporanea.

Il ciclo si apre il 3 giugno 2024 presso il Cinema Arsenale con la proiezione, in copia restaurata, del film Intervista di Federico Fellini, racconto di sé del regista sul significativo sfondo del lavoro a una trasposizione filmica del romanzo America di Kafka (presentazione a cura di Matteo Galli).

Il 4 giugno 2024 si tiene una giornata di studi, durante la quale studiose e studiosi dell’opera di Kafka si confrontano tra loro e con il pubblico, proponendo sia un ripensamento di temi noti, sia piste di indagine meno battute, per offrire uno sguardo ad ampio raggio sui testi dello scrittore ieri e oggi. Il ciclo si conclude con un intervento di Moni Ovadia, artista e profondo conoscitore della cultura ebraica, che presenta la propria esperienza in relazione all’opera e alla figura di Franz Kafka.

Il ciclo di iniziative Ăš aperto a tutta la cittadinanza.

Allegati

Poster

Programma

Scrittrici del Medioevo: ultimo incontro stagionale dell’Osservatorio Bibliografico Entrelacement – 20 maggio 2024

LunedĂŹ 20 maggio 2024

15:00

Palazzo Venera, Sala Colonne (via Santa Maria, 36)


Per l’ultimo incontro stagionale della rassegna, Entrelacement Ăš lieta di presentare l’antologia Scrittrici del Medioevo (Carocci, 2023), a cura di Elisabetta Bartoli, Donatella Manzoli e Natascia Tonelli.

SarĂ  un’occasione per conoscere e approfondire i profili intellettuali e la produzione letteraria di autrici di assoluta rilevanza nei rispettivi contesti storici e culturali, ma rimaste fuori dai canoni contemporanei. DialogherĂ  con le curatrici la professoressa Speranza Cerullo (UniversitĂ  di Pisa).

SarĂ  possibile seguire l’incontro anche a distanza, via Microsoft Teams.

Allegati

Poster

Romania al Salone Internazionale del Libro – maggio 2024

 

Domenica 12 maggio 2024, presso lo stand della Romania (Padiglione 1, D14) al Salone Internazionale del Libro di Torino, avranno luogo i seguenti appuntamenti:

  • alle ore 13:00 sarĂ  presentato il romanzo di Aurelian Silvestru, Attore anonimo (Graphe.it edizioni, 2024), con traduzione di Olga Irimciuc; interverranno Aurelian Silvestru, Olga Irimciuc, Emilia David;
  • dalle ore 16:00 sarĂ  presentato il volume Emersioni sceniche. Teatro romeno contemporaneo (Edizioni ETS, 2024), a cura di Horia Corneliu Cicortaș e Letteria GiuffrĂš Pagano, che inaugura la collana di romenistica “L’Altra Europa”, fondata nel 2023 dalla disciplina Lingua e letteratura romena dell’UniversitĂ  di Pisa.

Nel pieghevole allegato Ăš consultabile il programma completo dello stand della Romania al Salone Internazionale del Libro.

Allegati

Programma

Donare a tutti il potere di leggere – 12 maggio 2024

Domenica 12 maggio 2024, il progetto Il potere di leggere – avviato da Antonietta Sanna con la societĂ  francese Mobidys e con alcune case editrici italiane – approda al Salone Internazionale del Libro di Torino (Sala Gialla, ore 10:30) con un incontro dal titolo Donare a tutti il potere di leggere: strumenti e metodi per una lettura accessibile.

L’evento Ăš organizzato in collaborazione con Cepell (Centro per il libro e la lettura), il Maggio dei Libri e Lettori alla Pari.

Si parlerĂ  di “lettura accessibile” con Valentina Bianchi, Maria Greco, Adriano Monti Buzzetti, Antonietta Sanna ed Elvira Zaccagnino.

Giornata mondiale della lingua e della cultura in portoghese – 5 maggio 2024

1524/1974/2024 – Due celebrazioni per il Portogallo di oggi (CamĂ”es e il 25 aprile)

Nel 1524 nasce (forse) Luís de CamÔes; nel 1974 nasce (certamente) un nuovo Paese.

Nel 2024 si celebrano, dunque, due anniversari importanti per il Portogallo di oggi e per l’Europa: i cinquecento anni del piĂč fine e originale interprete di una stagione culturale e politica fondamentale per la costruzione dell’identitĂ  portoghese in Europa e nel mondo (l’etĂ  dei grandi viaggi oceanici e delle cosiddette Scoperte), e i 50 anni da quella altrettanto epica rivoluzione pacifica, la Rivoluzione dei Garofani, che, strabiliando il mondo, pose fine a una delle piĂč lunghe e cupe dittature europee, avviando finalmente il Portogallo verso la democrazia e le sue colonie africane verso l’autodeterminazione.

La CĂĄtedra Antero de Quental (CamĂ”es, IP/Pisa) e le discipline di Letteratura portoghese e brasiliana e Lingua portoghese e brasiliana del Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’UniversitĂ  di Pisa, in occasione della Giornata mondiale della Lingua portoghese e della cultura dei paesi di lingua portoghese (5 maggio), vogliono ricordare questi due importanti anniversari con un evento che ne evochi gli snodi essenziali – con voci narranti, musica, letture.

Programma

Identità – Atto primo – La Rivoluzione dei Garofani

Sarà sinteticamente percorsa la linea temporale dei 48 anni di dittatura con un focus sulla giornata del 25 aprile 1974, attraverso letture e l’ausilio di prodotti multimediali creati ad hoc. Sarà presentato il breve video “Luís Pacheco, Il mio 25 aprile”, realizzato con la partecipazione degli studenti del corsi di portoghese.

IdentitĂ  – Atto secondo – CamĂ”es, chi era costui?

Ricordando CamÔes: sarà illustrata la biografia per tracce del poeta, con letture dei suoi versi (in italiano e in portoghese) tratti dal poema epico I Lusiadi (1572) e dalla sua opera lirica (sonetti), accompagnati da inserti musicali.

Musica! Musica!

Franco Bonsignori (fisarmonica) e Carla Giometti (voce) reinterpretano il repertorio della musica portoghese.

A seguire brindisi “lusofono”

Con il patrocinio di:

Instituto CamÔes, Ambasciata del Portogallo a Roma

Scarica la locandina

L’Ebreo errante. Nuove prospettive su un mito europeo: presentazione del volume – 7 maggio 2024

MartedĂŹ 7 maggio 2024, alle ore 17:15 presso la Gipsoteca di Arte Antica (piazza San Paolo all’Orto, 20), avrĂ  luogo la presentazione del volume L’Ebreo errante. Nuove prospettive su un mito europeo, a cura di Fabrizio Franceschini e Serena Grazzini (Edizioni di Storia e Letteratura, 2023).

Interverranno, oltre al Rettore Riccardo Zucchi, Adriano Fabris (Università di Pisa), Laura Quercioli Mincer (Università degli Studi di Genova), Claudio Galderisi (Recteur Région Académique Nouvelle Aquitaine).

Il volume copre una vasta gamma di discipline e indaga su un mito che ha segnato profondamente la cultura europea, soprattutto – ma non solo – in senso antisemita. Sul sito dell’editore Ăš possibile trovare il pdf dell’indice e dei nomi, oltre che degli abstract, la recensione di Marino Freschi uscita su Avvenire, e, infine, la breve intervista a cura del giornalista RAI Walter Skerk trasmessa il 21 aprile 2024 su Rai Radio 1 (a partire dal minuto 6′ 30”).

Sunto del volume

Il mito dell’Ebreo condannato da Cristo a vivere e ad errare sino alla fine dei tempi si forma pienamente con l’Età moderna, pur se muove da radici antiche. In questo volume, i nomi dell’Ebreo errante vengono fatti parlare per rivelare discontinuità e ambiguità del mito. I testi dell’Europa medievale e della Germania seicentesca, che l’hanno alimentato in tutto il vecchio continente, sono riconsiderati sulle fonti originali e in nuova prospettiva critica. Antropologi, storici, filosofi, letterati, linguisti, ebraisti, studiosi del teatro e delle arti seguono la multiforme fortuna dell’enigmatico Errante e ne indagano, in dialogo tra loro, i significati reali e simbolici. In importanti figure e in sorprendenti testi della diaspora ebraica si colgono risposte all’erranza materiale, etica e culturale dei singoli e delle comunità, mentre il sionismo si presenta come abolizione dell’Ebreo errante. Questa figura, emblema o stigma dal Seicento in poi del popolo ebraico, nella sua dimensione extraterritoriale, si imprime nell’immaginario collettivo, stimola la fantasia mitopoietica di grandi scrittori, straordinari artisti e umili cantori, diviene paradigma di pensiero, sollecita tra gli orrori del XX secolo e di fronte alla barbarie nazista una sua rilettura dall’interno stesso del mondo ebraico.

Allegati

Poster

Te-fa-min: presentazione del romanzo di Gianni Iotti – 10 aprile 2024

MercoledĂŹ 10 aprile 2024, alle ore 17:00 presso il Cinema LumiĂšre (vicolo dei Tidi, 6), avrĂ  luogo la presentazione di Te-fa-min (Giovane Holden Edizioni, 2022), romanzo di Gianni Iotti vincitore del Premio Speciale della Giuria nella XV edizione del Premio Letterario Nazionale Giovane Holden.

Insieme all’autore, intervengono Francesco Brancati e Paolo Bugliani. Coordina il dibattito Stefano Brugnolo.

Allegati

Poster

Ripensare Bruno Snell: seminario – 22 marzo 2024

 

Venerdì 22 marzo 2024, alle ore 16:30 presso la sala conferenze dell’Accademia Toscana di Scienze e Lettere “La Colombaria” di Firenze (via Sant’Egidio, 23) avrà luogo il seminario Ripensare Bruno Snell, in occasione della pubblicazione della nuova edizione del volume di Bruno Snell, La scoperta dello spirito. La cultura greca e le origini del pensiero europeo (Luiss University Press, 2021).

Intervengono Giovanni Zago (Università di Firenze) e Maria Serena Mirto (Università di Pisa), con l’introduzione di Michele Feo (Presidente della Classe di Filologia della Colombaria) e il coordinamento di Mario Citroni (Scuola Normale Superiore di Pisa).

SarĂ  presente il curatore del volume, Roberto Andreotti.

Allegati

Poster